“La prova del cuoco”: malfatti di Carpenedolo di Sergio Barzetti

malfatti di Carpenedolo di Sergio BarzettiSergio Barzetti prepara il primo piatto. Un piatto antico, della tradizione nostrana, che può essere servito anche come sfizioso antipasto. Prepariamo, quindi, i malfatti di Carpenedolo.

Ingredienti

  • 1/2 Kg erbette, 1/2 Kg spinaci, tarassaco o cicoria di campo, 3 uova intere, 350 g formaggio grattugiato, 200 g burro, 1 cipolla, 1/2 spicchio d’aglio, sale, pepe e noce moscata, pane raffermo grattugiato, farina, alloro, salvia

Procedimento

Si usa un misto di erbe, bietoline, spinaci ed erbe spontanee di campo. In una pentola, mettiamo gli spinacini ben lavati ed ancora bagnati. Copriamo e lasciamo appassire. Una volta cotti, li strizziamo per bene. Quindi, li frulliamo con il mixer, fino ad ottenere una pasta. Agli spinaci tritati finemente uniamo le uova ed abbondante noce moscata in polvere, la cipolla tritata finemente ed appassita in un padellino con burro ed uno spicchio d’aglio (dobbiamo aggiungere la cipolla con qualche cucchiaio di burro). Infine, aggiungiamo il formaggio grattugiato, una presa di sale e del pangrattato. Lavoriamo fino ad ottenere un composto compatto.

Aiutandoci con la farina, creiamo dei serpentelli di impasto e tagliamo a tocchetti, in obliquo, come fossero degli gnocchi. Rendiamo la forma più morbida, passandoli tra le mani (foto). A questo punto, abbiamo due alternative:

  • Possiamo friggerli in olio di arachidi a temperatura (170°). In questo caso, sono un ottimo antipasto.
  • Oppure, li lessiamo in acqua salata. Quando vengono a galla li scoliamo e li condiamo, nel piatto, con burro e salvia. Completiamo con abbondante formaggio grattugiato.

La versione senza glutine

Vi basterà sostituire il pane con glutine con un comune pane senza glutine e, successivamente, utilizzare della farina di riso per formare i malfatti.